Rocche Valle del Serchio - I percorsi tematici

Castello di Loppia

Il castello di Loppia si trova a poca distanza dall’omonima pieve di Santa Maria, su un’altura posta a nord dell’edificio di culto. Il muro di cinta, di forma approssimativamente ellittica, racchiudeva dentro di sé uno spazio di circa 600 metri quadrati e aveva uno spessore notevole, raggiungendo i 130 centimetri. Del circuito difensivo ad oggi si conserva soltanto qualche frammento: alcuni tratti che si mantengono per un’altezza massima di circa 2 metri e mezzo si trovano nella porzione di nord-ovest e di sud-ovest. La struttura è databile all’XI-XII secolo circa.

Consacrata nel 1058, la Chiesa di Santa Maria di Loppia è uno dei capolavori dello stile romanico nella valle. La chiesa, con pianta a croce sullo stile delle antiche Basiliche, è suddivisa in tre navate, scandite da splendide arcate.

 

Notizie storiche

Le prime notizie del «loco» di Loppia ci giungono da un documento scritto nel 764 nel quale si cita Barga come «villa» sottoposta alla chiesa di Loppia. Un’altra testimonianza è dell’845 anno nel quale la chiesa fu visitata dal vescovo Ambrogio che, ritenendola di fondazione antichissima, assegnò a quel luogo di culto alcuni beni presso Cascio.

La prima citazione della presenza di un castello posto a difesa della sottostante pieve è del 939, anno nel quale la fortificazione era nelle mani di Rodilando di Cunimondo, il capostipite della potente famiglia dei Rolandinghi. La distruzione del castello risale al 1230, quando le armate lucchesi penetrarono nella valle per sedare una ribellione dei signori rurali. La grande importanza che ebbe la fortificazione appare evidente considerando che i Rolandinghi, malgrado ormai il centro del loro potere si fosse trasferito a Barga, continuarono per secoli a essere ricordati nei contratti come «domus Rolandinghe de Loppia». Dalla descrizione della struttura redatta nella seconda metà dell’800, sappiamo che la fortificazione era dotata di una specie di battifolle utile a difendere la chiesa castellana di San Sisto, posta fuori dal circuito difensivo tra il castello e la pieve. Purtroppo di questi due corpi di fabbrica non sopravvive alcuna testimonianza, poiché entrambi furono demoliti ai primi del ‘900 e le pietre furono sfruttate per pavimentare la strada per Barga.

Galleria

Chiesa di Santa Maria di Loppia, vista panoramica
Chiesa di Santa Maria di Loppia, torre campanaria
Chiesa di Santa Maria di Loppia, facciata, particolare
Castello di Loppia, ponte medievale